Skip to content

Il nostro senso per i numeri

Neuroni, geni e matematica

Quali sono le basi neurobiologiche della nostra conoscenza del numero? Sottostanti le capacità matematiche simboliche e discrete che si sono sviluppate in alcune società umane, giacciono, incarnate nell’attività dei sistemi nervosi, le radici non-simboliche della rappresentazione della numerosità. Basate sulla stima della quantità e sul continuo, esse sono osservabili anche nelle creature prive di linguaggio simbolico, i bambini più piccoli e gli animali non umani. L’indagine su questo primitivo “senso del numero” potrebbe svelarci le radici genetiche di un pinnacolo del pensiero umano, la matematica, e modi nuovi per apprenderla.

Giorgio Vallortigara
Professore di Neuroscienze all’Università di Trento. È autore di più di 300 articoli scientifici (con oltre 25.000 citazioni) e di alcuni libri a carattere divulgativo (il più recente uscito da Adelphi nel 2021 “Pensieri della mosca con la testa storta”). Ha ottenuto il Premio internazionale Geoffroy Saint Hilaire per l’etologia e una laurea honoris causa dall’Università della Ruhr in Germania. Scrive inoltre per varie testate, quali il Sole 24 Ore, La Lettura, Prometeo e Le Scienze.